UN’OPPORTUNITÀ DI COLLABORAZIONE TRA AZIENDE E ATENEI

Possibilità per le aziende con una sede operativa sul territorio piemontese di inserire con un contratto di Alto Apprendistato a tempo determinato di 24 mesi laureati di II° livello che parteciperanno a un Master dell’Università degli Studi di Torino.

Scarica l’informativa >>
Scarica la dichiarazione di impegno alla partecipazione al piano formativo >>
 

L’Università propone un Master in Alto Apprendistato in “Processi produttivi chimico-biologici” focalizzato sul monitoraggio e sul miglioramento dei processi industriali di tipo chimico-biologico, sulle normative tecnico ambientali e sui sistemi di gestione aziendale.

Il contratto di Alto Apprendistato prevede vantaggi economici (sgravi fiscali e contributivi pari a circa il 30% del costo della retribuzione) e formativi (creazione di un percorso formativo ad hoc sulle esigenze dell’azienda partecipante).

Il Master è rivolto a laureati con meno di 30 anni al momento dell’assunzione, anche già interni alle aziende.      

La Business Development Management S.r.l. (B.D.M.) supporta l’Università nella progettazione e organizzazione dell’iniziativa.

Poiché la Regione ha posto una prima scadenza il 4 novembre 2011 in cui intende valutare l’interesse verso l’iniziativa per poterla attivare, si richiede di inviare entro il 31 ottobre 2011 la documentazione per dichiarare l’interesse della propria azienda verso il progetto, sia in formato digitale sia in formato cartaceo, a “BDM Srl, corso Francia 32, 10143, Torino” accompagnati da una fotocopia di un documento d’identità del legale rappresentante dell’azienda. Questa documentazione attesta solo l’interesse dell’azienda e non è vincolante per l’effettiva partecipazione della stessa al progetto.

I costi della formazione sono completamente a carico dell’Ateneo; l’unico onere a carico dell’azienda consiste nella retribuzione del laureato (con i vantaggi contributivi e fiscali previsti dal contratto). Il progetto formativo è finanziato dalla Regione con risorse FSE nel quadro del “Piano per la Competitività”.

Le aziende interessate al progetto si possono rivolgere per maggiori informazioni a:

Leave a Reply